22 - Everybody's Golf

L’auto più venduta della Volkswagen compie 40 anni

40 anni e non sentirli. Nel 1974 la prima Golf uscì dalla fabbrica di Wolfsburg. In 40 anni, la compatta della Casa tedesca è diventata un’icona dell’automobilismo. Nel corso degli anni si sono succedute sei generazioni (sette se si conta il restyling del 2008). La Golf è il modello di maggior successo prodotto dalla Volkswagen: è stata per 13 anni consecutivi l'auto più venduta d'Europa, scettro che le fu tolto nel 1994 dalla Fiat Punto. Ha poi riguadagnato il trono ad anni alterni. Nell’estate del 2013, ha raggiunto le 30 milioni di unità prodotte. In questo 2014, la Golf è di gran lunga il modello più venduto in Europa, con oltre 150mila unità in più rispetto alla seconda classificata Ford Fiesta.

 

Per la sua alta qualità produttiva e per la validità generale del progetto, la Golf conserva il suo valore nel tempo anche sul mercato dell’usato. Noi di Autouncle abbiamo provato ad analizzare la disponibilità di Golf usate sui siti web italiani. Il nostro motore di ricerca ne conta 15500 esemplari dal 1980 ad oggi. www.AutoUncle.it tiene conto di ogni singolo dettaglio. Il motore effettua una ricerca fra decine di siti di annunci, riportando i risultati in base ai filtri indicati dagli utenti. Il testo dell'annuncio viene analizzato per ottenere informazioni come anno, chilometraggio e accessori. Per l’acquisto si viene poi indirizzati ai siti sui quali si trova l’annuncio.

Alcuni dei modelli Golf su Autouncle.it (abbiamo indicato il numero di esemplari disponibili )


L’auto è stata realizzata, fin dal suo esordio, in diverse varianti: berlina 3 e 5 porte, cabriolet, e poco dopo anche pickup (denominato Caddy). Esistono anche una versione 3 volumi, una variante station wagon e, dalla quinta serie, una variante monovolume, chiamata “Plus”, più alta e spaziosa rispetto alla versione berlina. Nel 1974, la prima Golf ha il compito di sostituire il Maggiolino. Il suo design era fortemente innovativo: si passava da linee tondeggianti e trazione posteriore ad un design squadrato, con motore trasversale e trazione anteriore. In soli 2 anni raggiunse il milione di unità vendute. Fu prodotta fino al 1983 su disegno di Giorgetto Giugiaro.

Con la prima Golf GTI (1976), la Volkswagen diede poi una svolta al dinamismo di questa classe. La Golf D (diesel aspirato, 1976) e la successiva GTD (turbodiesel, 1982) videro il diesel fare breccia nel segmento delle auto compatte.

Nel 1983, con il lancio della seconda generazione, la Golf diventa un vero e proprio “status symbol”. La grande novità è che con la seconda serie fu reso disponibile il modello a quattro ruote motrici. La prima versione della Golf II era riconoscibile dai paraurti "sottili", dai deflettori fissi delle portiere anteriori, dagli specchietti anteriori uguali a quelli del Golf e dalla scritta “Volkswagen” sulla parte sinistra della coda. Altra novità era che a richiesta veniva fornito il climatizzatore.

Il 1991 vede il debutto europeo della terza generazione, accolta con un immediato successo di pubblico e di critica, al punto da riuscire a guadagnare l'ambito premio di Auto dell'anno” nel 1992. Prima che la Polo vinca tale titolo nel 2010, la Golf sarà l'unica vettura Volkswagen ad aver ottenuto il premio. L'estetica venne nuovamente aggiornata ai canoni dell'epoca, con una modifica evidente nel frontale, molto più arrotondato e fornito non più di un faro rotondo, ma di una coppia di fari racchiusi in un guscio oblungo. Grandi innovazioni pure nel campo della sicurezza. 

 

Nel 1997 arriva la quarta generazione. Si tratta di un modello completamente nuovo tecnologicamente ma non sotto il profilo estetico; vengono ripresi infatti in buona parte i tratti della fortunata serie precedente, infatti i gruppi ottici anteriori e posteriori sono molto simili, sia nella versione base che nella Variant.

 

La quinta generazione (2003) della Golf condivide (quasi) tutti i suoi motori con la cugina Audi A3. Caratteristico quello TDI a iniettore a pompa, soluzione fino ad ora sviluppata solo da Volkswagen.

 

La sesta generazione è entrata in produzione nel 2008. E’ commercializzata come nuovo modello ma è un restyling della quinta serie, affidato a Walter De Silva e Flavio Manzoni. E’ un miglioramento delle precedenti ma ne riprende lo stesso telaio, nonché gran parte dei componenti, oltre ad inserire novità quali i motori common rail (pur continuando ad utilizzare la sigla TDI) e dispositivi elettronici per la sicurezza.

 

La settima generazione viene presentata al pubblico nel 2012 e prosegue il percorso stilistico voluto da De Silva e Manzoni. E’ realizzata sulla nuova piattaforma MQB, che viene utilizzata anche per altre auto del gruppo come l'Audi A3. La linea, pur mantenendo i tratti del modello precedente (montante posteriore massiccio, lunotto quasi verticale, padiglione poco rastremato e un profilo estetico meno sportivo) si caratterizza per le linee più spigolose e proporzioni leggermente più slanciate.

L’acquirente di auto che effettui una ricerca su AutoUncle, avrà davanti a sé una panoramica dettagliata dell’usato. Grazie al motore di ricerca si possono scoprire informazioni utili per chi vuole cambiare il proprio veicolo. Vengono inoltre forniti consigli per vendere velocemente la propria auto.

 

www.AutoUncle.it è l’innovativo motore di ricerca danese, presente in 9 nazioni, che ha rivoluzionato l’attività di ricerca di auto usate online. Esso permette, a chi cerca un’auto usata, di trovare in pochi secondi, sul web, tutte le auto presenti sul mercato.

 

Ad oggi www.AutoUncle.it raccoglie 660mila auto usate pubblicate su 34 siti italiani. In tutta Europa, AutoUncle aiuta a trovare facilmente e velocemente la propria auto ideale, cercandola in un pagliaio di 4 milioni e 742mila auto su 1117 diversi siti di annunci