29 - Auto da Oscar

Numerosi veicoli hanno un ruolo fondamentale in film recenti

Il rapporto del mondo del cinema con le auto è sempre stato molto stretto. 

Il connubio tra film e motori ha attraversato la storia del Novecento e continua a farlo tuttora.  Spesso, nell’immaginario, la presenza di auto è legata ad inseguimenti mozzafiato o incidenti spettacolari (chissà perchè?). Ma un’automobile, in un film, diventa importante anche con la sua semplice presenza, quando non diventa addirittura “scenario”. Si pensi ad alcuni film degi ultimi anni, girati interamente all’interno di un’auto: è il caso di “Locke” o del fresco vincitore dell’Orso d’Oro a Berlino, (“Taxi” dell’iraniano Panahi).

In questa settimana, riguardo il cinema, l’argomento più dibattuto è sicuramente l’imminente assegnazione dei premi Oscar a Los Angeles.

Noi di Autouncle.it ci siamo divertiti, guardando i film in lizza per il premio, a trovare le macchine più interessanti sulla scena, spesso protagoniste al pari dei colleghi “in carne ed ossa”. Abbiamo notato un gradito “ritorno” delle auto degli anni Trenta in opere ambientate in quel periodo e molto apprezzate da critica e pubblico (“The Imitation Game”, “The Grand Budapest Hotel”).

Iniziamo con un film che ha fatto molto discutere e che è candidato per i due principali premi (“Miglior film” e “Miglior attore protagonista”), cioè “American Sniper”. Il regista Clint Eastwood ha scelto Bradley Cooper per interpretare Chris Kyle, il tiratore scelto più letale di tutta la storia militare degli Stati Uniti.  Naturalmente nella pellicola appaiono molti mezzi in dotazione all’esercito americano, ma a noi è sembrata significativa la Toyota Land Cruiser (in questo caso del 1990). Un’auto in produzione tutt’oggi, che continua ad avere successo.

Un altro film che potrebbe fare incetta di premi è sicuramente “Boyhood”, che secondo noi dovrebbe vincerne a priori almeno uno per l’idea: la lavorazione del film (scritto e diretto da Richard Linklater) è durata 12 anni, dal 2002 al 2013, per raccontare la crescita di Mason (interpretato da Ellar Coltrane) e il rapporto con i genitori divorziati (Ethan Hawke e Patricia Arquette, entrambi candidati all’Oscar). La pellicola mostra veramente tante auto, dalla Pontiac Gto alla Dodge Grand Caravan. Noi abbiamo scelto una Chevrolet Tahoe del 2000 (auto che sembrano regalare in massa alle famiglie negli Usa).

Tra le attrici belle e brave in gara per la statuetta, c’è la Rosamund Pike di “Gone Girl (L’amore bugiardo)”. Il regista David Fincher ha celebrato l'ultimo capitolo della crisi americana raccontando la perdita dei sogni di gloria di un ottimo Ben Affleck. Anche in questo film, parata di automobili (compresa una Fiat 500), ma a noi piace la Volvo XC90.

Tra i film meno “strombazzati” nella corsa agli Oscar c’è anche il bel “The Judge”, che porta Robert Duvall in gara come miglior attore non protagonista. In questo caso abbiamo scelto la Ford Explorer del 2011.

 ­­­­­­­­­­­­­­­­­­­­­­­­­

Concludiamo con una ciliegina sulla torta. Non è un’auto in senso classico, ma si trova comunque sul nostro motore di ricerca e, in un certo modo, ha fatto la storia automobilistica del nostro Paese. L’ Ape Car della Piaggio appare in versione modificata in “Grand Budapest Hotel”. Come nota fa un po’ sorridere, ma sappiate che nel film il mezzo viene utilizzato per le consegne della pasticceria “Mendl” ed è un tassello fondamentale nella trama.

Queste 5 auto non hanno forse un gran mercato, nell’usato, ma sono comunque presenti su Autouncle.it.