35 - Più elettrico per tutti

Giornata della Terra, pensiamo anche all’automobile

La Giornata della Terra (in inglese “Earth Day”) è il giorno dedicato all'ambiente e alla salvaguardia del Pianeta. Le Nazioni Unite celebrano questa festa ogni anno, il 22 aprile. La celebrazione è divenuta occasione per valutare le problematiche del pianeta: in primis, inquinamento degli ecosistemi ed esaurimento delle risorse non rinnovabili. Uno degli obiettivi è quello di eliminare gli effetti negativi delle attività dell'uomo. Le soluzioni includono il riciclo dei materiali, la conservazione delle risorse naturali, il divieto di utilizzare prodotti chimici dannosi.

 

L'impatto sul clima e sulla salute cresce in base alla fonte utilizzata per generare l'energia, compresa quella che fa andare un’automobile. Le automobili elettriche utilizzano invece un pacco batterie ed un motore a zero emissioni. Non producono alcuna sostanza tossica ed i costi di gestione sono estremamente ridotti. Il lato negativo principale è facilmente intuibile: l’autonomia. Però, se fino a poco tempo fa era difficile trovare vetture elettriche che potessero garantire un’autonomia superiore a 200 chilometri, oggi abbiamo auto elettriche come la Tesla che ne garantiscono quasi il doppio. 

E’ vero che in Italia la diffusione di auto elettriche è tutto sommato ancora poco diffusa (un millesimo del mercato), ma recenti episodi come quello riguardante il Comune di Firenze (che ha ottenuto 70 veicoli a zero emissioni da Renault per sostituire fino al 60% del parco auto a disposizione degli uffici comunali) significano che molte città stanno puntando sulla auto elettriche, installando anche nuovi punti di ricarica.

Più successo stanno avendo comunque le auto ibride (che uniscono cioè il motore elettrico a quello a combustibile).

Di fatto la riduzione delle emissioni allo scarico di CO2 e di inquinanti è proporzionale al calo del consumo consentito dai diversi sistemi ibridi. Valori superiori si possono ottenere con i sistemi plug-in grazie alla possibilità di ricaricare le batterie dalla rete elettrica e, di conseguenza, percorrere decine di chilometri a emissioni zero.

 

AutoUncle.it diventa utile anche per chi cerca un’auto di questa categoria. Proviamo ad esempio a tracciare una Top10 delle auto usate ibride più disponibili sul nostro motore di ricerca. 

Modello

Esemplari

Prezzo medio

Anno medio

Km medi

Toyota Auris

326

16mila

2012

35mila

Toyota Yaris

298

12mila

2009

97mila

Toyota Prius

287

15mila

2013

122mila

Honda Insight

159

9mila

2009

77mila

Lexus CT200h

91

19mila

2012

52mila

Lexus RX450h

80

35mila

2011

68mila

Peugeot 508

46

27mila

2012

46mila

Lexus GS450H

45

25mila

2008

88mila

Lexus RX400h

45

13mila

2007

15mila

Nissan Leaf

44

21mila

2012

28mila

Al primo posto c’è la Toyota Auris, “sostituta” della Corolla. Ora siamo alla terza generazione (2009). Ma la casa giapponese è anche al secondo posto della classifica con la Yaris, arrivata alla terza generazione. Un modello che sa sempre reinventarsi, da quasi due decenni stabile nella lista delle auto più vendute d’Europa. La Yaris è convincente anche in questa versione ibrida elettrica lanciata due anni fa, che si sta avvicinando a quota 100 mila unità vendute. Il podio a tutta Toyota è confermato dalla Prius, sicuramente anche la più venduta tra le vetture ibride al mondo. Il lancio del primo modello di Prius avvenne in Giappone nel 1997, e nel mercato mondiale nel 2000. Quarto posto per la Honda Insight, lanciata sul mercato nel 2000. In Italia, è fuori listino dallo scorso ottobre. In Giappone non verrà più prodotta perché non regge la concorrenza delle ibride Toyota. La Honda abbandona così quasi del tutto un segmento in cui era pioniera.

Al quinto e sesto posto “si affaccia poi in classifica la Lexus (ancora gruppo Toyota!) con due modelli, la CT 200h e la RX450h. La CT 200h è la ibrida di maggior diffusione della prestigiosa gamma, che “gioca” contro rivali premium del segmento C. La RX è la prima SUV ibrida immessa nel mercato e una delle più ecologiche del mondo.

Al settimo posto la Peugeot, unica europea in classifica, con la sua applicazione (insieme alla 3008) della tecnologia ibrida, la 508. All’ottavo e al nono, ancora la Lexus con un altro SUV (RX400h) e la GS 450h, coinvolgente come una sportiva. Ultimi due posti della Top10 occupato da un’altra gloria del Sol Levante: la Nissan Leaf, che dalla sua ha la facilità di guida e il frontale simpatico.